1,75 mm Matte Fiber HTPLA filamento, Giallo

Proto-pasta

Matte Fiber HTPLA è un composito di fibre di origine vegetale ottimizzato per finishing, performance e compatibilità. Ideale per stampe artistiche e tecniche. Come il carbon fiber ma senza fibra di carbonio: non richiede nessun ugello speciale! → Giallo

Ordina - Prezzi IVA inclusa
Sample (4 metri) €6,00
10 metri €14,60
15 metri €20,80
30 metri su bobina €31,50
Bobina 500 g €60,00

Filamento HTPLA con fibre vegetali di colore giallo.

Non sono necessari hardware o ugelli speciali per questo composito a base vegetale. Il Matte Fiber è compatibile con la maggior parte delle stampanti 3D fdm.

Caratteristiche

  • Alta stampabilità
  • Maggiore stabilità dimensionale rispetto al normale HTPLA
  • Performance simili al filamento con fibre di carbonio 
  • Nessun ugello speciale richiesto
  • Texture piacevole al tatto
  • Può essere lavorato e colorato 
  • Base riscaldata non necessaria
  • Compatibile con la maggior parte delle stampanti

Specifiche tecniche

Diametro nominale 1,75 mm
Deformazione molto bassa
Flessibilità n.d.
Resistenza meccanica n.d.
Temperatura di stampa 190-230 °C
Resistenza termica 88-110 °C, 140 °C se temprato

Tips&Tricks

Si stampa come il PLA su nastro blu senza base riscaldata. Il Matte Fiber non è fragile, ma essendo rigido si può rompere sotto un carico eccessivo. Può essere trattato termicamente per ottenere una maggiore rigidità a temperature più elevate. La stabilità dimensionale è migliore rispetto al HTPLA senza fibre. Le fibre vegetali migliorano l'adesione di colle e rivestimenti.

Questo filamento va conservato al riparo dall'umidità. Se il filamento con il tempo assorbe troppa umidità, per ottenere buoni risultati occorre asciugarlo. Se ha assorbito umidità, si verificano più facilmente problemi di oozing. Diminuire il flusso e/o la temperatura può ridurre l'oozing e migliorare i dettagli. Tuttavia per ottenere migliori proprietà meccaniche si consiglia una temperatura più elevata, i difetti di oozing possono essere rimossi dopo.

Applicazioni
Modelli archittettonici, sculture, industrial design e product design, applicazioni ingegneristiche.

Come fare il "trattamento termico"
Cuocere i pezzi stampati in forno fino a che si verifica un cambiamento da traslucido a opaco: questo cambiamento della finitura indica il miglioramento delle prestazioni!
Buoni risultati si ottengono in un forno da laboratorio a 110 °C per un'ora o poco meno. Si consiglia di non rimuovere i supporti sui pezzi stampati, e di appoggiare i pezzi su una superficie non irradiante (come vetro, ceramica o composito). Per ridurre al minimo la deformazione lasciar raffreddare i pezzi nel forno.
Per diminuire il rischio di deformazioni è possibile cuocere i pezzi stampati a temperature più basse (ma sempre superiori a 60 °C) per un tempo più lungo.

TIP!
Quando si tempra un materiale come il PLA, la plastica continuerà ad indurirsi perché esposta a un calore basso ma costante. Questo processo che serve per temprare gli oggetti stampati in 3D, li rende molto meno fragili ed estremamente resistenti. Se fatto correttamente, i pezzi saranno resistenti alla deformazione, manterranno la forma e la struttura originaria.
Dato che i pezzi potrebbero subire delle leggere ritrazioni, sarebbe meglio scalare di circa il 2-2,5% le stampe con dimensioni critiche, per assicurarsi che mantengano la forma e combacino con le parti adiacenti.

Data la diversità degli ugelli presenti sul mercato è difficile dare un consiglio sulla temperatura di utilizzo del materiale. I dati pubblicati, forniti dai produttori, servono solo come riferimento iniziale, la regolazione va raffinata per trovare le impostazioni ottimali in base al proprio setup di stampa.


Datasheet