1,75 mm Premium HTPLA v3 filamento, Naturale

Proto-pasta

L'HTPLA v3 si stampa come il PLA, e può essere trattato termicamente per aumentare la resistenza alla temperatura, in teoria fino a 140 °C. L'HTPLA offre prestazioni e finiture eccezionali per prototipi funzionali e pezzi finiti. → Naturale

Ordina - Prezzi IVA inclusa
Sample (4 metri) €4,00
10 metri €9,50
15 metri €13,80
30 metri su bobina €26,80
Bobina 1 kg €65,00

Filamento HTPLA v3 di colore naturale.

Caratteristiche

  • Alta stampabilità
  • Ottima adesione tra i layer
  • Elevata qualità del materiale e flusso costante
  • Elevata durezza e resistenza, se temprato
  • Prestazioni a livello ingegneristico, se temprato
  • Resistenza termica triplicata, se temprato
  • Minor assorbimento di umidità rispetto all'HTPLA v2
  • Deformazione tendente a zero durante il trattamento termico rispetto a HTPLA v2
  • Ampio intervallo di temperatura di estrusione, fino a 250 °C
  • Base riscaldata non necessaria
  • Compatibile con la maggior parte delle stampanti

Specifiche tecniche

Diametro nominale 1,75 mm
Deformazione molto bassa
Flessibilità n.d.
Resistenza meccanica n.d.
Temperatura di stampa 200-230 °C, fino a 250 °C
Resistenza termica 88-110 °C, 140 °C se temprato

Tips&Tricks

L'HTPLA si stampa come il PLA a 200 °C circa. Risultati meccanici eccezionali sono stati ottenuti stampando a 250 °C ottenendo una resistenza dei layer quasi 2 volte superiore rispetto a una stampa a 230 °C, come testato nel laboratorio ProtoPasta. La base riscaldata non è necessaria ma le stampe grandi possono beneficiarne. Va impostata tra 0 e 70 °C.
Per favorire l'adesione del pezzo alla base di stampa usare il nastro blu o la colla stick, stampare il primo layer a bassa velocità (10-20 mm/s) e a una temperatura medio-alta (220 °C circa), assicurarsi della corretta distanza tra l'estrusore e il piatto di stampa per non bloccare la fuoriuscita del materiale.

Come fare il "trattamento termico"
Cuocere i pezzi stampati in forno fino a che si verifica un cambiamento da traslucido a opaco: questo cambiamento della finitura indica il miglioramento delle prestazioni!
Bastano 5-10 minuti per parti piccole e sottili e alcune ore per parti grandi e piene; i pezzi stampati in HTPLA v3 cristallizzano in forno a 110 °C +/- 10 °C e diventano più rigidi. Si consiglia di non rimuovere i supporti sui pezzi stampati, e di appoggiare i pezzi su una superficie non irradiante (come vetro, ceramica o composito). Per ridurre al minimo la deformazione lasciar raffreddare i pezzi nel forno. Per diminuire il rischio di deformazioni è possibile cuocere i pezzi stampati a temperature più basse (ma sempre superiori a 60 °C) per un tempo più lungo.

TIP!
Quando si tempra un materiale come il PLA, la plastica continuerà ad indurirsi perché esposta a un calore basso ma costante. Questo processo che serve per temprare gli oggetti stampati in 3D, li rende molto meno fragili ed estremamente resistenti. Se fatto correttamente, i pezzi saranno resistenti alla deformazione, manterranno la forma e la struttura originaria.
I migliori risultati si ottengono su parti piatte o con supporti e con infill al 100%. In questo caso la deformazione sul piano xy è di appena 0,5% e una variazione su z trascurabile.

Data la diversità degli ugelli presenti sul mercato è difficile dare un consiglio sulla temperatura di utilizzo del materiale. I dati pubblicati, forniti dai produttori, servono solo come riferimento iniziale, la regolazione va raffinata per trovare le impostazioni ottimali in base al proprio setup di stampa.


Datasheet